Sedie da Evacuazione

now browsing by category

 

Sedia da evacuazione SPENCER modello EVA

Bellezza. Prestazioni. Funzionalità. EVA

eva_header

Silenziosità

La silenziosità di marcia viene comunque apprezzata e amplificata durante il trasporto in ambulanza, quando le cure del paziente impongono grande concentrazione. L’interposizione tra elementi metallici di sistemi autolubrificanti in nylon garantisce silenziosità, ripetibilità e durata. Quello che stupisce è l’assoluta mancanza di vibrazioni anche sul pavè, che la dice lunga sul lavoro di equilibratura e di smorzamento del rumore.
Freni

Un sistema di frenatura integrato permette lo stazionamento in pendenza, facilita la direzionalità e il bloccaggio della sedia nel luogo desiderato. L’operazione di frenatura, facilitata dal largo pedale di azionamento, avviene dolcemente e senza sforzo, non richiede alcuna regolazione e blocca simultaneamente sia la ruota che il supporto.
Ruote

Ruote 150 mm: maggiore scorrevolezza con minore sforzo di spinta. Ruote stampate in copolimero scorrevole su cuscinetti a sfera di precisione e gommatura poliuretanica “soft” di estrema leggerezza ed elasticità. L’adozione di cuscinetti a sfera sia per il piroettamento dei supporti sia sull’asse di rotazione della ruota e di rivestimenti morbidi (gomma elastica) conferiscono alla sedia una considerevole attenuazione della rumorosità anche su pavimentazioni non perfettamente lisce. L’elasticità del rivestimento poliuretanico garantisce il massimo comfort poichè, grazie all’elevata capacità di assorbimento degli urti, ogni asperità del terreno è assorbita senza trasmettere alcuna vibrazione o sobbalzo alla sedia. Il disegno del battistrada è realizzato per assicurare uno scorrimento silenzioso, una perfetta aderenza alla pavimentazione. La calibratura dell’anello, ottenuta con una speciale tecnica di costruzione, permette di avere una concentricità senza ovalizzazioni, che garantisce una rotazione uniforme.
Design ergonomico

Noi crediamo che il buon design debba cominciare dalla piena comprensione delle funzioni di un prodotto. Per noi questo significa prendere in considerazione in modo dinamico semplici operazioni di apertura e chiusura, serraggio, regolazione, traslazione e analizzare per ciascuna di esse l’interazione tra l’operatore e la sedia, che avviene tramite l’impiego dell’elemento che costituisce il dispositivo di comando. Questi elementi, pertanto, non sono soltanto studiati per avere un aspetto esteticamente gradevole e assicurare una presa confortevole, ma nascono per rendere la vita più facile all’operatore ogni volta che li utilizza e per continuare a farlo per tutta la vita di Eva. Questo si può vedere osservando alcuni dei nostri elementi di manovra più da vicino. La leva per l’apertura del maniglione ha una forma leggermente arcuata con ingrossamento ergonomico terminale per offrire una presa confortevole e sicura alla mano dell’operatore. Il pomello per la selezione della lunghezza dei manici telescopici presenta un rilevante gradino che lo separa dalla manopola stessa e crea lo spazio che facilita il corretto posizionamento del pollice garantendo un’attivazione docile e sicura.
Centro prove

Il traguardo è forse troppo ambizioso nell’immediato, ma certamente il Centro Prove Spencer ha l’obiettivo di diventare in poco tempo uno dei punti di riferimento di rilevanza internazionale sia per gli enti e le associazioni che si occupano di emergenza sia per tutte quelle aziende che intendono testare i propri prodotti, impianti e accessori, anche a elevato contenuto tecnologico. Infatti crediamo che per continuare ad essere leader in un mercato in evoluzione la strada da percorrere sia quella dell’integrazione, da perseguire non solo all’interno della propria azienda, ma in maniera più ampia ed estesa, anche nei confronti di fornitori e partner. Spencer dedica un intero reparto e figure con un’alta professionalità alle prove e alla simulazione dei propri prodotti e sistemi. In questo reparto sono presenti macchine e sistemi in grado di testare e validare il crash test dinamico e statico, vibrazione, carico statico e dinamico, ripetibilità, fatica e altre prove che conferiscano al prodotto stesso la qualità che si merita la stella che accompagna da sempre il nostro marchio.
Fissaggi

La sicurezza di un’autoambulanza si misura dalla capacità di integrare le diverse soluzioni in un insieme perfettamente armonico e sinergico. Sia nelle simulazioni al computer che nei test pratici, tutti i fissaggi sono stati testati e ottimizzati in termini di comportamento di crash, robustezza e rigidità, nonchè di resistenza a flessioni e torsioni. In teoria e nella pratica, gli ingegneri hanno eseguito svariate prove di collisione frontale, asimmetrica, laterale e posteriore, test di ribaltamento secondo quanto prescritto dalle severe direttive interne Spencer e dalle regole di crash test richieste dalle UNI 1789. I sistemi di ritenuta, tra cui spiccano le ricchissime dotazioni di cinture pretensionate con limitatori di carico, contenimento di bombole di gas compresso, apparecchiature medicali o semplici zaini, sono testati secondo standard severi e sviluppati con i fornitori leader mondiali per garantire sulle ambulanze equipaggiate con fissaggi Spencer lo stato dell’arte in termini di protezione. Test così severi consentono ai Vostri fissaggi e ai rispettivi dispositivi di affrontare serenamente la vita di tutti i giorni.

 

Per informazioni  scrivere a :  info@sefor-italia.it

Spencer – Sedie da evacuazione modello Serie Skid

La novità tecnico/estetica più rilevante è l‘adozione di cingoli passivi che slittano sulle scale con elevati standard di sicurezza e senza fatica. Nel complesso, un attento esame rivela una sedia dall‘estetica molto curata e dallo stile concettualmente autonomo. L‘aggressività è ottenuta miscelando argomentazioni tecniche, come la conformazione tortuosa del telaio saldato o l‘evidente originalità della postura della seduta, a preziosità estetiche, tipo gli angoli distribuiti un po‘ ovunque, lo schienale sapientemente inclinato e telescopico, il poggiatesta regolabile in altezza, il maniglione di trasporto proiettato indietro al punto da essersi idealmente staccato dalla sedia stessa. Design innovativo e massima sicurezza d‘utilizzo fanno della nuova Serie Skid una novità assoluta nell‘ambito dei sistemi di evacuazione e trasporto.

serieskid

 

Skid-E

Sedia da evacuazione

Della Skid-E balza subito all’occhio il nuovo forcellone a traliccio tubolare, che esalta il design tecnologico dell’insieme e il trasferimento delle ruote piroettanti (caratteristica tuttora unica della Skid-E) alla parte anteriore della sedia, divisa in due elementi di ampia superficie molto inclinati all’indietro e protetti da due convogliatori laterali che anteriormente integrano il poggiapiedi. Realizzata in alluminio silver la Skid-E, giallo la Skid-E Ready. La sedia Skid-E viene fornita con due cinture in polipropilene 50 mm.

  • Peso: 12,5 kg
  • Skid-E – SK20001E
  • Skid Ready-E schienale intero – SK20100E

skid E

L’innovativo sistema di pattinamento permette all‘operatore di controllare il movimento di discesa dalle scale senza sollevare il peso.

Pro Skid-E

Sedia da evacuazione/trasporto

Vista più nel dettaglio, la Pro Skid-E adotta lo stesso telaio e le stesse slitte della Skid-E, ma con importanti differenze legate soprattutto alla diversa destinazione d’uso di una sedia di trasporto rispetto a quella di una sedia di evacuazione. Infatti, una variazione dell’assetto e della distribuzione dei pesi associata all’applicazione di comode maniglie posteriori consentono di utilizzare la Pro Skid-E anche nella salita. La sedia Pro Skid-E viene fornita con due cinture in polipropilene 50 mm.

  • Peso: 14,2 kg
  • Pro Skid-E silver – SK10201E
  • Pro Skid-E gialla – SK10001E

pro skid e

Nella Pro Skid-E lo schienale e il poggiapiedi si estendono per diventare maniglioni di supporto per una tecnica di sollevamento ergonomico, migliorando la visione di scalini e piedi per l’operatore quando solleva la sedia sulle scale e per evitare ostacoli.

Skid-Ok

Sedia da evacuazione ultraleggera

La sedia Spencer da evacuazione ultracompatta e tecnologicamente avanzata. Skid-Ok raggiunge elevati standard di qualità grazie all’impiego di materiali e componenti innovativi che la rendono ultraleggera e maneggevole, in grado di operare, senza compromessi, in qualsiasi scenario operativo. È caratterizzata da un telaio in alluminio saldato e lucidato e da una seduta regolabile e rinforzata in Spentex®. L’innovativo sistema di slitte autofrenanti consente all’operatore un controllo perfetto durante la fase di discesa delle scale. La sedia Skid-Ok viene fornita con due cinture in polipropilene 50 mm.

  • Peso: 10 kg
  • Skid-Ok – SK20003E
  • Skid-Ok B – SK20002E

skidok

Su ogni superficie Skid-Ok è stabile grazie alle ruote piroettanti anteriori con freni di bloccaggio e stazionamento

Per informazioni  scrivere a :  info@sefor-italia.it